Coronavirus: una riflessione rivolta anche alla politica

Da Cdo Brianza due lettere: al Vicepresidente di Regione Lombardia Fabrizio Sala e all'Europarlamentare Massimiliano Salini

In questi giorni abbiamo guardato con attenzione, e naturalmente con la stessa preoccupazione di ognuno di voi, alle cosiddette vicende del Coronavirus; abbiamo osservato le strutture sanitarie intervenire con efficienza, abbiamo osservato la nostra “operosa Brianza” nella quale si è tentato di continuare come sempre a essere, per l’appunto, operosi.

Abbiamo osservato che gli imprenditori, non solo in Brianza, non si sono fatti mettere a terra dal panico dell’imprevisto, con la coscienza quasi atavica, certamente radicata, che l’imprevisto accade e come tale accade ogni giorno.

E intanto che si fa? Ce lo ricorda quel biscottaio di Codogno, apparso in televisione, che non potendo vendere al pubblico lavora in laboratorio le uova e le altre scorte preparando nuovi prodotti per quando il momento più duro sarà passato: non si butta mai via niente. Non si butta soprattutto la domanda, molto concreta, che ci è parso di sentire comune a tutti, sui danni.

Sempre aperti nel farci carico del richiedere di intervenire per quanto di loro responsabilità alle istituzioni, lo abbiamo fatto con due lettere che abbiamo inviato al Vicepresidente di Regione Lombardia, Fabrizio Sala, e al Parlamentare Europeo Massimiliano Salini. A loro abbiamo chiesto con quali modalità e con quali interventi intendono farsi portatori di risposte alla difficoltà che la Brianza ha incontrato in questa occasione. Vi renderemo conto della loro replica.

L’altra domanda che sorge nel cuore di ognuno di fronte all’imprevisto e che é: perché accade, perché proprio a me o a noi, resta sempre aperta ma ciò non significa che sia priva di risposta, perché dentro una compagnia umana c’è la possibilità non solo di interrogarsi ma anche di sostenersi, di far tesoro dell’esperienza e di condividerla di modo che anche la quotidianità del lavoro risulti meno faticosa e opprimente e invece sensata occasione di continuo rilancio.

Compagnia delle Opere di Monza e Brianza